Chiedete ad un muratore anziano cosa serve per riquadrare il foro dove andrà installato un infisso e vi risponderà il controtelaio , bene allora chiedetegli se ci sono attenzioni particolari per l’installazione e vi dirà che basta fissare le zanche con del cemento al muro e poi intonacare .

Adesso chiedete a me a cosa serve il contro telaio …. e vi rispondo nelle prossime righe

iniziamo con le cose semplici , il controtelaio (detto anche falsotelaio o, in alcune regioni, cassamorta) è l’elemento di connessione tra la muratura e il serramento, riquadra il vano murario, crea un riferimento preciso per la posa del telaio, consente l’ancoraggio meccanico del serramento alla muratura e stabilisce le quote del davanzale e dell’intonaco.

Si tratta di un prodotto tipico del nostro paese , il serramento è considerato un elemento di completamento dell’involucro edilizio ma sopratutto un elemento di design e di arredo , e come tale posto in opera a intonaco ultimato per evitare che possa sporcarsi o subire danneggiamenti.

Spesso in fase di progettazione e realizzazione la zona di collegamento tra il foro finestra e l’infisso non viene sviluppata analizzando tutte le implicanze con conseguenza non vengono correttamente isolati e sono la causa di un importante ponte termico che diminuisce l’efficienza energetica dell’abitazione.

“…la fonte energetica più importante di cui disponiamo oggi

è il risparmio energetico…”

Analisi ponti termici finestra

I nuovi monoblocchi  si integrano completamente nella facciata dell’edificio, qualsiasi sia la sua struttura e lo spessore della muratura. Si adeguano facilmente ai casi in cui è previsto un rivestimento esterno sia del tipo a cappotto che di tipo tradizionale. Potranno essere adottati non solo su nuove costruzioni ma anche su ristrutturazione dell’esistente.

Naviga fra i prodotti per scoprire tutte le caratteristiche e le tipologie e poi contattaci per avere una consulenza.